home News Rivetti a strappo: tutto quello che (ancora) non sai

Rivetti a strappo: tutto quello che (ancora) non sai

Tra i tanti sistemi di fissaggio, i rivetti a strappo inox sono molto utilizzati perché consentono di fare delle giunzioni in maniera veloce e alla cieca. Sono perfetti perché permettono di lavorare solamente da un lato. Ne esistono di diverse tipologie che si differenziano in base al tipo di testa e anche al materiale con cui sono realizzati. Dissento, è possibile scoprire meglio nel dettaglio tutto quello che riguarda i diritti a strappo che servono sia in ambito industriale ma anche per progetti e lavori di fai da te.

Tipi di testa

I rivetti a strappo da applicare con la rivettatrice, pneumatica o manuale e non solo, si differenziano in base alla testa. Nel momento in cui bisogna scegliere l’elemento di fissaggio, bisogna valutare qual è la forma migliore per ottenere il risultato desiderato. In dettaglio, esistono rivetti con la testa tonda, svasata oppure larga.

Tipo di metallo

Ovviamente, i rivetti vengono realizzati in diverse lunghezze ma le differenze maggiori vengono registrate quando si parla del metallo di cui sono fatti. È essenziale scegliere il rivetto a strappo in base al metallo su cui si deve lavorare. Ci sono rivetti realizzati in acciaio inox, alluminio, rame, acciaio zincato, monel, cupronichel. Ogni metallo ha caratteristiche diverse da tenere presente nella fase della scelta.

Come si applica un rivetto

I rivetti a strappo inox sono un sistema di fissaggio che presenta molti benefici e vantaggi. Infatti, si tratta di soluzioni che si applicano in modo semplice e anche veloce per portare a termine in tempi rapidi ogni genere di progetto e realizzazione. Per applicare il rivetto a strappo ci sono sostanzialmente tre fasi. La prima prevede di inserire il rispetto all’interno del foro praticato in precedenza. Di solito, le parti vengono forate contestualmente all’inserimento del rivetto. La seconda fase avviene deformando il corpo del rivetto. Infine, il chiodo viene tranciato per garantire un’unione sarda e duratura nel tempo anche di materiali diversi tra di loro.