home News T-shirt serigrafica magliette, come funziona la tecnica

T-shirt serigrafica magliette, come funziona la tecnica

Le t-shirt serigrafica magliette sono appunto maglie con stampa, realizzate secondo la tecnica serigrafica. Permette di ottenere capi d’abbigliamento di alta qualità ed è per questo motivo che t-shirt.it, sito web nato grazie alla stretta collaborazione tra l’agenzia online GRAFFITI e l’associazione ILLUSTRI, si è già imposto nel settore come un fornitore di eccellenze.

 

La tecnica serigrafica permette di stampare le illustrazioni sulle magliette, di altissima qualità. Le immagini sono state create da 10 tra i migliori illustratori del settore. Ma cos’è la serigrafica?

 

In pratica, presenta delle sostanziali differenze tra la tecnica di stampa digitale e quella a caldo. Tutto il procedimento va a garantire una definizione dei particolari eccellente. Se all’inizio questa tecnica veniva usata per motivi pratici solo sulla seta, oggi è possibile impiegarla anche per realizzare stampe su differenti tessuti, proprio come il cotone jersey.

Stampa seriografica magliette sfrutta il processo permeografico, per il quale viene utilizzato il polestre come matrice. Esso viene messo sopra un telaio per rendere impermeabili delle aree, l’inchiostro filtra così solo nelle zone restate libere.

Come possiamo ben capire quindi, sono proprio i lucidi utilizzati a garantire il risultato finale. Se la pellicola ha una finitura perfetta, il risultato finale sarà molto più dettagliato e preciso. Una volta che il lucido è pronto, viene bagnato dentro un’emulsione fotosensibile e dopo posizionata sopra il telaio. Vengono usati inchiostri specifici con una base plastificata. Gli strati sono decisamente più spessi, in questo modo si ottengono toni brillanti e coprenti. Le immagini saranno quindi ben fefinite.

 

L’azienda t-shirt.it sa bene quanto sia importante utilizzare solo prodotti di qualità e per tanto anche la scelta dei colori viene fatta con estrema attenzione. T-shirt.it si rifornisce solo dalle aziende europee che non utilizzano per la creazione ftalati e piombo.